sicurezza e salute

 

 

FINALITA’

L’ Avviso ha l’obiettivo di incentivare le imprese a realizzare progetti per il miglioramento documentato dei livelli di salute e sicurezza sul lavoro.

PROGETTI AMMISSIBILI

Sono ammessi a contributo i progetti ricadenti in una delle seguenti tipologie:
• Progetti di investimento volti al miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza dei lavoratori;
• Progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale;
• Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto.

SOGGETTI BENEFICIARI

I soggetti destinatari dei contributi sono le imprese, anche individuali, ubicate su tutto il territorio nazionale iscritte alla CCIAA.
Al momento della domanda, l’impresa richiedente deve soddisfare, a pena di esclusione, i seguenti requisiti:
1. avere attiva, nel territorio della Regione Lombardia, l’unità produttiva per la quale intende realizzare il progetto;
2. essere iscritta nel Registro delle Imprese o all’Albo delle Imprese Artigiane;
3. essere nel pieno e libero esercizio dei propri diritti non essendo in stato di liquidazione volontaria, né sottoposta ad alcuna procedura concorsuale;
4. essere assoggettata ed in regola con gli obblighi assicurativi e contributivi di cui al DURC;
5. non aver chiesto, né aver ricevuto, altri contributi pubblici sul progetto oggetto della domanda;
6. non costituisce causa di esclusione l’accesso ai benefici derivanti da interventi pubblici di garanzia sul credito, quali quelli gestiti dal Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese, quelli gestiti da ISMEA e quelli previsti da disposizioni analoghe;
7. non aver ottenuto, a seguito della verifica amministrativa e tecnica della documentazione a conferma della domanda online, il provvedimento di ammissione al contributo per uno degli Avvisi pubblici INAIL 2012, 2013 o 2014 per gli incentivi alle imprese per la realizzazione di interventi in materia di salute e sicurezza sul lavoro;
8. non aver ottenuto il provvedimento di ammissione al finanziamento per il Bando FIPIT 2014 (potranno partecipare al Bando ISI 2015 solo previa formale rinuncia ai benefici concessi).

GLI INCENTIVI

Lo stanziamento relativamente alla Regione Lombardia è pari a complessivi 45.432.300 Euro di cui:
     * € 31.802.610 per i progetti di investimento ed i progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale;
     * € 13.629.690 per i progetti di bonifica da materiali contenenti amianto.

Il contributo, in conto capitale, è pari al 65% delle spese ammesse ed è calcolato sulle spese sostenute al netto dell’IVA.

Il contributo massimo erogabile è pari a € 130.000. Il contributo minimo ammissibile è pari a € 5.000.

Per le imprese fino a 50 dipendenti che presentano progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale non è fissato il limite minimo di contributo.

I contributi sono concessi con procedura valutativa a sportello.

I contributi rispettano le condizioni e le limitazioni della normativa comunitaria relativa all’applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea agli aiuti “de minimis”.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammesse a contributo:
a) le spese direttamente necessarie alla realizzazione del progetto,
b) le eventuali spese accessorie o strumentali funzionali alla realizzazione dello stesso e indispensabili per la sua completezza,
c) le eventuali spese tecniche, entro i limiti precisati.

Le spese devono essere sostenute dall’impresa richiedente i cui lavoratori e/o titolare beneficiano dell’intervento e documentate.

Le spese ammesse a contributo devono essere riferite a progetti non realizzati e non in corso di realizzazione alla data del 5 maggio 2016.

Resta a carico dell’impresa ogni onere economico nel caso in cui la propria domanda di contributo non si collochi in posizione utile ai fini del finanziamento nella successiva fase di inoltro online o non superi le fasi di verifica o rendicontazione.

PRESENTAZIONE DOMANDA

Le domande devono essere presentate in modalità telematica, secondo le seguenti 3 fasi successive:

1. accesso alla procedura on line e compilazione della domanda

Prerequisito necessario per accedere alla procedura di compilazione della domanda è che l’impresa sia in possesso delle credenziali di accesso ai servizi on line Inail (Nome Utente e Password).
Per ottenere le credenziali di accesso è necessario effettuare la registrazione sul portale INAIL almeno 48 ore prima della scadenza del bando.

2. invio della domanda on line;

A partire dalla data del 1° marzo 2016 ed inderogabilmente fino alle ore 18,00 del giorno 5 maggio 2016 sul sito www.inail.it le imprese registrate avranno a disposizione una procedura informatica che consentirà loro, attraverso la compilazione di campi obbligatori, di:
– effettuare simulazioni relative al progetto da presentare;
– verificare il raggiungimento della soglia di ammissibilità;
– salvare la domanda inserita;
– effettuare la registrazione della propria domanda attraverso l’apposita funzione presente in procedura tramite il tasto “INVIA”.

Dal 12 maggio 2016 le imprese potranno accedere all’interno della procedura informatica per effettuare il download del proprio codice identificativo che le identificherà in maniera univoca. La stessa procedura, mediante un’apposita funzionalità, rilascerà un documento contenente tale codice che dovrà essere custodito dall’impresa ed utilizzato nel giorno dedicato all’inoltro telematico.

Le imprese potranno inviare attraverso lo sportello informatico la domanda di ammissione al contributo, utilizzando il codice identificativo attribuito alla propria domanda. Le date e gli orari dell’apertura e della chiusura dello sportello informatico per l’invio delle domande, saranno pubblicati sul sito www.inail.it a partire dal 19 maggio 2016.

3. invio della documentazione a completamento della domanda da effettuarsi nei tempi e con le modalità indicati.

Entro il termine di 30 giorni decorrente dal giorno successivo a quello di perfezionamento della formale comunicazione le imprese dovranno far pervenire:
– la copia della domanda telematica generata dal sistema, debitamente sottoscritta dal titolare o dal legale rappresentante dell’impresa;
– tutti gli altri documenti, previsti per la specifica tipologia di progetto, indicati nel bando.

Ai fini del rispetto del termine dei 30 giorni sarà valida la data di invio del messaggio di posta elettronica certificata con il quale si inoltrano la domanda e i relativi allegati.

La mancata presentazione della domanda entro il termine di cui sopra comporta la decadenza della domanda stessa.