Italia Lavoro SpA, ente strumentale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

giovani con cartellinaFINALITA’

L’Avviso è finalizzato a promuovere un sistema di Botteghe di Mestiere e dell’Innovazione, attraverso il finanziamento di “Progetti di Bottega” che prevedano l’attivazione di 934 percorsi di tirocinio di inserimento/reinserimento. Per Bottega si intende un Raggruppamento in grado di favorire la trasmissione di competenze specialistiche verso le nuove generazioni, il ricambio generazionale e di stimolare la nascita di nuova imprenditoria, i processi di innovazione e di internazionalizzazione delle imprese, nonché lo sviluppo di reti su base locale.

GLI INCENTIVI

Le risorse previste per la realizzazione delle azioni sono pari a € 5.220.000,00 così distribuite:
• € 3.010.000,00 per Calabria, Campania, Puglia e Sicilia;
• € 2.210.000,00 per le restanti regioni.

Tali risorse sono comprensive delle somme da rimborsare per gli oneri assicurativi obbligatori (INAIL) connessi all’attivazione dei tirocini.

Potranno essere attivati:
– Fino a n. 539 tirocini in Botteghe in Calabria, Campania, Puglia e Sicilia;
– Fino a n. 395 tirocini in Botteghe nelle restanti Regioni e Province Autonome.

I contributi sono erogati nel rispetto delle condizioni e dei termini relativi all’applicazione del Regolamento “de minimis”.

SOGGETTI AMMESSI ALLA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI BOTTEGA

I Progetti possono essere presentati da Raggruppamenti costituiti o costituendi, formati da un soggetto promotore dei tirocini (enti abilitati a promuovere tirocini, così come individuati nelle Linee guida nazionali e nelle normative regionali di riferimento) e da una o più aziende ospitanti i tirocini stessi.

Una azienda ospitante può partecipare ad una sola proposta progettuale.

I Raggruppamenti possono essere costituiti in forma di:
– Consorzio
– Associazione temporanea di Imprese o di Scopo (ATI/ATS)
– Contratto di Rete
– Partnership
– Altre forme regolamentate

Nel caso di raggruppamenti formati da due o più soggetti ospitanti, tutte le aziende devono avere sede operativa di svolgimento del tirocinio nella medesima regione.

Ciascun membro del raggruppamento dovrà conferire mandato speciale con rappresentanza al soggetto Promotore, che assumerà il ruolo di Soggetto Capofila.

TIPOLOGIE DI BOTTEGA

Potranno essere presentati Progetti di Bottega appartenenti alle seguenti 2 tipologie:

1. BOTTEGHE SETTORIALI: sono Botteghe attivate in una logica di settore, coinvolgendo aziende integrate in senso orizzontale che operano allo stesso stadio di un ciclo produttivo.
Per la costituzione della Bottega settoriale, il raggruppamento dovrà individuare il SETTORE di riferimento. Di conseguenza i soggetti ospitanti appartenenti al Raggruppamento potranno partecipare solo se in possesso di uno dei CODICI ATECO attribuiti a quello specifico settore (Abbigliamento-Moda; Agroalimentare Enogastronomia ristorazione; Artigianato artistico; GDO; Legno-arredocasa; Meccanico; Navale; Stampa);

2. BOTTEGHE DI FILIERA: sono Botteghe attivate in una logica di filiera coinvolgendo aziende integrate in senso verticale.
Col termine filiera si intendono aziende, singole o associate, in grado di realizzare le principali attività che concorrono alla creazione/produzione, utilizzazione/trasformazione, distribuzione, commercializzazione e fornitura dei prodotti delle filiere. Per la costituzione della Bottega di filiera, il raggruppamento dovrà individuare la FILIERA di riferimento. Di conseguenza le aziende appartenenti al raggruppamento potranno partecipare solo se in possesso di uno dei codici ATECO attribuiti a quella filiera (Abbigliamento-Moda; Agroalimentare enogastronomia ristorazione; Legno-Arredocasa).
Inoltre all’interno della filiera dovranno essere obbligatoriamente rappresentate almeno le 2 seguenti sezioni Ateco:
    – C
     – una fra A, G, H, e I.

Possono partecipare ai progetti di Bottega anche aziende operanti nel campo dell’ARTIGIANATO DIGITALE, pur non in possesso dei Codici ATECO specificati, purché appartenenti ad una delle aggregazioni di Bottega.

Le aziende che operano nel campo dell’artigianato digitale devono impiegare tecnologie digitali per la fabbricazione di nuovi prodotti o per lo sviluppo di processi produttivi non convenzionali, con particolare riferimento a:
     – modelizzazione e stampa 3D
     – strumenti di prototipazione elettronica avanzata e software dinamici
     – tecnologie di “open hardware”
     – lavorazioni digitali quali il taglio laser e la fresatura a controllo numerico.

TIROCINI E INDENNITA’ DI PARTECIPAZIONE

Ogni Progetto di Bottega dovrà prevedere l’inserimento di un numero di tirocinanti compreso tra un minimo di n. 7 e un massimo di n. 10.

La durata dei tirocini è di 6 mesi.

Tutti i tirocini dovranno concludersi entro il termine perentorio del 31 marzo 2017.

In ciascuna bottega potranno essere attivati tirocini esclusivamente per profili professionali indicati.

I tirocini avviati prevedono l’erogazione, in favore dei tirocinanti, di una borsa di tirocinio (indennità di partecipazione) così quantificata:

• per i tirocini effettuati nella Regione di residenza del giovane, l’indennità di partecipazione erogata sarà pari a € 500,00 al mese al lordo delle eventuali ritenute di legge, per un massimo di complessivi € 3.000,00 lordi per ciascun tirocinante per tutto il semestre di tirocinio, fermo restando il rispetto delle normative regionali e degli atti di indirizzo conseguenti;
• per i tirocini in mobilità geografica nazionale (percorsi di tirocinio effettuati in una regione diversa da quella di residenza del tirocinante) l’indennità di partecipazione erogata sarà pari a € 500,00 al mese al lordo delle eventuali ritenute di legge, per un massimo di complessivi € 3.000,00 lordi per ciascun tirocinante per tutto il semestre di tirocinio. Sarà erogata una indennità di mobilità secondo quanto indicato nelle tabelle Interregionali. Potranno essere attivati al massimo n. 140 percorsi di tirocinio.

Nel caso di tirocini avviati in regioni in cui la normativa regionale preveda l’obbligo di erogare una borsa di tirocinio superiore a € 500,00 sarà cura del soggetto Promotore assicurarsi che venga garantito il riconoscimento della differenza.

Nell’ambito di percorsi semestrali di tirocinio, potranno essere previste esperienze di mobilità geografica transnazionale della durata di 1, 2, 3 mesi in uno dei Paesi membri dell’UE o in Svizzera. Tali esperienze di tirocinio potranno essere realizzate esclusivamente dai soggetti Ospitanti presenti nella Bottega che abbiano una sede/unità operativa, in cui dovrà essere realizzato il periodo di tirocinio previsto, in uno dei Paesi membri dell’UE o in Svizzera. Sarà erogata una indennità di mobilità parametrata sulla base delle tabelle dei costi standard aggiornati.
Potranno essere attivati massimo n. 224 mesi complessivi di esperienze in mobilità geografica transnazionale.

Nelle Regioni e Province autonome dove la normativa di riferimento non prevede una soglia minima di frequenza per l’erogazione dell’indennità di tirocinio, questa sarà corrisposta per ciascuna mensilità in cui sarà stato realizzato almeno il 70% delle ore/mese del percorso formativo.

L’impegno dei tirocinanti dovrà essere articolato sulla base dell’orario vigente nella struttura ospitante e rispettare i parametri previsti dalle normative regionali di riferimento. In ogni caso non potranno essere attivati tirocini la cui durata sia, da progetto formativo, inferiore alle 25 ore settimanali e superiore al limite fissato dalle disposizioni regionali in materia di tirocini.

AMMONTARE DEL CONTRIBUTO PER LE BOTTEGHE

Al Soggetto Ospitante sarà riconosciuto un contributo per le attività di tutoraggio aziendale.
Condizione per il riconoscimento del contributo è l’erogazione di almeno 8 ore di tutoraggio mensili per ciascun tirocinante. Il contributo massimo riconoscibile per le 8 ore di attività è di € 250,00 mensili al lordo di eventuali ritenute di legge e/o di ogni altro eventuale onere accessorio per ciascun tirocinante ospitato.
Il contributo massimo riconoscibile è pari a € 1.500,00 per ciascun percorso semestrale di tirocinio.

Al Soggetto Promotore sarà riconosciuto un contributo per l’attività di gestione delle procedure di gestione e svolgimento del tirocinio. Le attività saranno svolte attraverso l’affiancamento dei tirocinanti con un tutor organizzativo.
Condizione per il riconoscimento del contributo è l’erogazione di almeno 3 ore di tutoraggio organizzativo mensile a ciascun tirocinante. Il contributo massimo riconoscibile per ciascun percorso di tirocinio della durata complessiva di 6 mesi è pari ad € 500,00 al lordo di eventuali ritenute di legge e/o di ogni altro eventuale onere accessorio.

Verrà inoltre riconosciuto un rimborso spese, rendicontato a costi reali, relativo ai costi assicurativi INAIL sostenuti per l’attivazione dei percorsi di tirocinio.

PRESENTAZIONE DOMANDA

La candidatura dovrà essere inviata in un plico chiuso contenente due buste chiuse controfirmate sui lembi:

     A. una prima busta contenente tutta la documentazione amministrativa e gli allegati;
     B. una seconda busta contenente il format di progetto.

Il plico deve pervenire presso gli uffici di Italia Lavoro SpA entro e non oltre le ore 12.00 del giorno 8 marzo 2016.