simboli soldiFINALITA’

Con il concorso “Negozi di valore” Regione Lombardia, in collaborazione con Unioncamere Lombardia, intende valorizzare, attraverso il conferimento di un premio, i negozi o le reti di negozi lombardi emblematici” che si sono distinti per la capacità di generare attrattività in virtù di iniziative di marketing, organizzazione dell’attività e strategie di vendita innovative, per storicità o tipicità dell’attività, oltre che per la capacità di dare “valore pubblico” alla propria funzione.
Per “valore” dell’impresa proponente si intende la best practice documentata e replicabile che, se pubblicamente riconosciuta e resa nota, può costituire un esempio per le altre realtà commerciali e divenire un modello emulabile, generando un circolo virtuoso e un incentivo alla crescita e alla competitività delle realtà lombarde del commercio al dettaglio.

CANDIDATI

Possono presentare la propria candidatura a Unioncamere Lombardia le imprese commerciali, in forma singola o associata, con sede operativa in Lombardia, in possesso dei seguenti requisiti alla data di pubblicazione del regolamento sul BURL (09/02/2016):
a) essere micro, piccola o media impresa (MPMI);
b) essere attiva e iscritta al Registro delle imprese di una della Camere di Commercio della Lombardia e in regola con il pagamento del diritto camerale;
c) avere sede legale o operativa in Lombardia;
d) non trovarsi in nessuna delle condizioni ostative relative agli aiuti di stato dichiarati incompatibili dalla Commissione europea;
e) essere in possesso di codice ATECO, almeno secondario, del settore commercio.

Qualora la candidatura sia presentata da reti di negozi lombardi (MPMI in forma associata) sono ammesse, nella costituzione della rete, anche MPMI non appartenenti al settore del commercio, in particolare le imprese appartenenti al settore artigiano, purché il negozio che si candida in qualità di Capofila sia in possesso di codice ATECO, almeno secondario, del settore commercio.

IL PREMIO

Il premio consiste in un contributo economico che verrà conferito ai candidati selezionati.

L’importo dei premi potrà variare, in relazione al punteggio conseguito dai candidati, da un minimo di € 2.000,00 ad un importo massimo di € 8.000,00 lordi, a cui deve essere applicata la ritenuta d’imposta del 25%.

I negozi o le reti di negozi selezionati potranno inoltre usufruire di spazi di visibilità offerti da Regione Lombardia sui propri canali e nelle proprie iniziative di comunicazione: all’interno di eventi e manifestazioni fieristiche, oppure su siti web, giornali e riviste previo accordo con Regione Lombardia.

Il montepremi complessivo del concorso è pari a € 80.000,00. In relazione a detto importo potranno essere conferiti i seguenti 22 premi, dal 1° al 22° classificato, in ordine di graduatoria:
a) dal 1° al 3° posto: 3 premi da € 8.000,00;
b) dal 4° al 6° posto: 3 premi da € 6.000,00;
c) dal 7° al 12° posto: 6 premi da € 3.000,00;
d) dal 13° al 22° posto: 10 premi da € 2.000,00.

Categorie di premio

Le imprese commerciali, in forma singola o associata, possono presentare la propria candidatura, descrivendo esperienze, attività svolte, iniziative intraprese, impatti e risultati conseguiti adeguatamente documentati, per le seguenti 10 categorie di premio:

1) Filiera di valore
Reti tra negozi, artigiani e produttori locali nell’ambito di specifiche filiere di prodotto (es. filiera delle carni o filiera del pane: dall’allevamento o dalla coltivazione, alla vendita al dettaglio).
Elementi di valutazione specifici: efficacia e impatti ottenuti grazie alla costituzione della rete di filiera, in termini di aumento della competitività e della soddisfazione dei clienti.
2) Shopping di valore
Reti tra negozi finalizzate alla promozione di itinerari di shopping.
Elementi di valutazione specifici: articolazione degli itinerari di shopping proposti ed efficacia in termini di incremento dell’attrattività locale e di incremento delle vendite ottenuti grazie alla costituzione della rete.
3) Distretti di valore
Reti tra negozi e artigiani appartenenti ai medesimi ambiti urbani (strade, piazze, borghi e quartieri storici o emblematici del commercio) o ai medesimi DUC.
Elementi di valutazione specifici: efficacia e impatti ottenuti in termini di incremento dell’attrattività urbana e di incremento delle vendite ottenute grazie alla costituzione della rete.
4) Brand di valore
Iniziative di marketing e immagine coordinata di successo, offerta di servizi al cliente ad elevato valore aggiunto, iniziative di promozione territoriale mediante la figura del negoziante testimone – narratore del territorio.
Elementi di valutazione specifici: articolazione delle iniziative promozionali, ricchezza dei servizi proposti, efficacia in termini di competitività e di soddisfazione del cliente.
5) Innovazione di valore
Politiche e modalità di vendita che utilizzano tecnologie innovative: marketing digitale, anche mediante siti web, concept e spazi creativi, multicanalità, nuove tecnologie.
Elementi di valutazione specifici: ricchezza, funzionalità, immediatezza, semplicità di utilizzo ed efficacia dei servizi innovativi offerti al cliente.
6) Legacy di valore
Capacità di operare con successo nella trasmissione d’impresa, garantendo la continuità, il passaggio generazionale, ma anche l’innovazione dell’attività commerciale.
Elementi di valutazione specifici: strumenti e metodi utilizzati, livello di efficacia ottenuto e innovazioni apportate nel passaggio generazionale.
7) Start up di valore
Livello e velocità di crescita di un’attività commerciale. Start up dinamiche e di successo.
Elementi di valutazione specifici: efficacia e livello di sviluppo, ricadute sul territorio e radicamento della nuova attività commerciale avviata.
8) Impegno sociale di valore
Responsabilità sociale di impresa determinata da modalità e principi adottati nell’attività di vendita (es. accoglienza e attenzione a categorie speciali di clienti come disabili, anziani, famiglie numerose e minori), partecipazione a iniziative di educazione al consumo o di recupero delle giacenze di prodotti per il riuso, partecipazione a reti sociali o di quartiere.
Elementi di valutazione specifici: efficacia, accoglienza, attenzione al cliente, nelle modalità d’acquisto proposte e di supporto al consumatore finale.
9) Ecosostenibilità di valore
Ecosostenibilità, riduzione dei consumi energetici dei punti vendita, modalità di rapporto con produttori, fornitori e consumatori che valorizza il territorio lombardo, la sostenibilità ambientale e la vendita di prodotti biologici o ecocompatibili.
Elementi di valutazione specifici: varietà di proposta, efficacia e impatti ottenuti in termini di riduzione dei consumi energetici e di ecosostenibilità.
10) Arte di valore
Bellezza e originalità dei palinsesti, degli eventi, degli arredi, delle vetrine e degli allestimenti, anche in relazione al rapporto con la letteratura, lo spettacolo, il cinema, la musica, la cultura e l’arte in generale.
Elementi di valutazione specifici: creatività, bellezza ed esplicito legame con l’arte nelle best practice realizzate.
Ogni impresa potrà presentare esclusivamente una candidatura per una sola delle 10 categorie di premio, ovvero aderire a una rete di negozi.

Ai candidati selezionati potrà essere conferito, in base alla valutazione della Giuria, un solo premio in una sola categoria.

In caso di candidatura presentata da una rete di negozi (MPMI in forma associata) il premio verrà erogato al Capofila della rete, che si impegna a destinare l’importo del premio per attività e servizi a favore della rete.

REGIME DI AIUTO
I contributi sono concessi alle imprese, intese come “impresa unica”, secondo la regola “de minimis”.

In base al suddetto Regolamento un’impresa unica può ottenere aiuti, a qualsiasi titolo, complessivamente non superiori a € 200.000,00 nell’arco di 3 anni.

Qualora la concessione di nuovi aiuti “de minimis” comporti il superamento dei massimali pertinenti sopra riportati, l’impresa richiedente non potrà beneficiare del suddetto aiuto.

PRESENTAZIONE CANDIDATURA

Possono essere presentate candidature esclusivamente riferite a esperienze compiute e documentate, non saranno in alcun modo ammesse candidature prive di adeguata documentazione comprovante le caratteristiche descritte.

La proposta di candidatura deve essere presentata a Unioncamere Lombardia esclusivamente tramite il sito internet dedicato.

Alla domanda, firmata digitalmente dal legale rappresentante dell’impresa proponente/capofila o da suo delegato, deve essere allegata la seguente documentazione obbligatoria, pena la non ammissibilità della domanda, comprovante le caratteristiche e le motivazioni a supporto della candidatura.

La domanda e la documentazione allegata potranno essere presentate a partire dal 7 marzo 2016 e non oltre il 16 maggio 2016.

Selezione dei candidati
Dopo la chiusura delle candidature Unioncamere Lombardia procede all’istruttoria formale volta a verificare:
– il possesso dei requisiti di ammissibilità previsti dal regolamento;
– il rispetto dei termini per l’invio della domanda;
– la completezza dei contenuti e la regolarità formale e sostanziale della documentazione prodotta.

La valutazione di merito e la selezione finale delle candidature ritenute formalmente ammissibili è condotta da una Giuria.