Contributi a fondo perduto per promuovere la realizzazione, da parte delle micro e piccole imprese commerciali lombarde, investimenti innovativi per la sicurezza e la prevenzione dei futi, rapine ed atti vandalici.

Contributi a fondo perduto sicurezza imprese commercialiA chi è rivolto il bando?

I beneficiari dei contributi sono le micro e piccole imprese del commercio, con sede legale e operativa in Lombardia e attive.

Le imprese devono appartenere alle seguenti categorie merceologiche, così suddivise in base ai criteri di priorità del presente bando:

CATEGORIE A RISCHIO MAGGIORE

G. 46.48 Commercio all’ingrosso di orologi e di gioielleria;
G. 47.26 Commercio al dettaglio di prodotti del tabacco in esercizi specializzati
G. 47.30 Commercio al dettaglio di carburante per autotrazione in esercizi specializzati;
G. 47.73 Commercio al dettaglio di medicinali in esercizi specializzati
G. 47.75 Commercio al dettaglio di cosmetici, di articoli di profumeria e di erboristeria in esercizi
G. 47.77 Commercio al dettaglio di orologi e articoli di gioielleria in esercizi specializzati

ALTRE CATEGORIE DI RISCHIO

G. 47.42 Commercio al dettaglio di apparecchiature per le telecomunicazioni e la telefonia in esercizi specializzati
G. 47.71 Commercio al dettaglio di articoli di abbigliamento in esercizi specializzati
G. 47.72 Commercio al dettaglio di calzature e articoli in pelle in esercizi specializzati
I. 56.10.11 Ristorazione con somministrazione
I. 56.30 Bar e altri esercizi simili senza cucina

Quali progetti sono agevolabili?

Il bando è finalizzato alla realizzazione di investimenti per la sicurezza (ad esempio sistemi di video allarme antirapina, videosorveglianza a circuito chiuso, sistemi antintrusione con allarme acustico) nonché all’acquisto di dispositivi di pagamento per la riduzione del flusso di denaro contante.

Quali sono le spese ammissibili dal bando?

Per il Bando sono ammissibili le seguenti spese:

sistemi di video-allarme antirapina; sistemi di video-sorveglianza a circuito chiuso e sistemi antintrusione con allarme acustico; casseforti; sistemi antitaccheggio; serrande e saracinesche; vetrine antisfondamento; sistemi biometrici; telecamere termiche; sistemi di pagamento elettronici (POS e carte di credito/Contactless/Phone payment); sistemi di rilevazione delle banconote false; dispositivi aggiuntivi di illuminazione notturna esterna; casseforti e blindature antiesplosione; automazione nella gestione delle chiavi; interventi di edilizia o adeguamento impianti elettrici nel limite del 30% della somma delle voci di spesa indicate precedentemente.

Sono ammissibili solo impianti o sistemi nuovi di fabbrica.

Le spese dovranno essere sostenute a partire dal 10 ottobre 2014 e non oltre il 15 maggio 2015.

Sono escluse le seguenti spese:
– canoni, compreso quelli riferiti ad investimenti in leasing
– noleggio impianti/attrezzature
– adeguamento/manutenzione di preesistenti impianti o sistemi
– acquisto di beni/impianti usati
– spese in autofatturazione
– lavori in economia

Agevolazione concessa dal bando

L’agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto pari al 50% delle sole spese considerate ammissibili. Per le imprese classificate sotto la voce CATEGORIE A RISCHIO MAGGIORE, l’investimento massimo ammissibile è pari a 10.000 euro. Per le imprese classificate sotto la voce ALTRE CATEGORIE A RISCHIO l’investimento massimo ammissibile è fissato a 5.000 euro. Per entrambe le categorie l’investimento minimo è fissato a 1.000 euro.

Scadenza del bando

Dal 15 Gennaio 2015 sarà possibile la prenotazione del contributo da parte delle imprese. Il temine per la presentazione delle domande è fissato al 31 Gennaio 2015.

Contattateci o compilate il form per avere ulteriori informazioni e per valutare l’ammissibilità del vostro progetto di investimento al presente bando.

Richiedi un Finanziamento!