Risanamento ambientale e riqualificazione energetica del patrimonio di edilizia residenziale pubblicaContributi riservati alle Aziende lombarde per l’edilizia residenziale per interventi di rimozione di manufatti contenenti amianto dal patrimonio edilizio di loro proprietà.

La Regione Lombardia ha pubblicato l’invito a presentare proposte per l’accesso ai contributi a valere sul Fondo rotativo costituito presso Finlombarda s.p.a. e riservato ad interventi di rimozione di manufatti contenenti amianto dal patrimonio di edilizia residenziale pubblica (E.R.P.) delle Aziende lombarde per l’edilizia residenziale (A.L.E.R.).

A chi è rivolto il bando?

Possono presentare proposta di accesso al contributo esclusivamente le Aziende Lombarde per l’Edilizia Residenziale.

Quali progetti sono agevolabili?

Saranno ritenuti ammissibili solo i progetti per interventi di risanamento ambientale dai materiali contenenti amianto presenti negli edifici destinati ad edilizia residenziale pubblica di proprietà delle A.L.E.R., sui quali è stato effettuato il censimento per la presenza di amianto nelle modalità previste dalla legislazione in materia, con la conseguente analisi e valutazione del rischio secondo i protocolli previsti per i diversi materiali.

Quali sono le spese ammissibili dal bando?

Sono da considerarsi ammissibili a contributo le spese strettamente connesse alla realizzazione dell’intervento, sostenute successivamente al 5 febbraio 2015 (data di approvazione dell’Invito), ed in particolare:
• costo di realizzazione tecnica (opere e relativi oneri per la sicurezza, manodopera) limitatamente alle opere per la rimozione dei materiali contenenti amianto ed i successivi ripristini, entro il limite necessario a garantire il rispetto dei requisiti minimi previsti dalla normativa tecnica in vigore (es. in termini di trasmittanza termica) e nel rispetto del principio dell’economicità;
• spese per analisi (SEM) e certificati (restituibilità di ambienti bonificati);
• iva relativa alle precedenti voci, se non recuperabile.

Agevolazione concessa dal bando

Il contributo è concesso a fondo perduto a copertura dei costi ammissibili dell’intervento nella misura massima del 100%, fino ad un massimo di euro 1.000.000 iva inclusa.

Scadenza del bando

La domanda di contributo potrà essere presentata su apposito modello, esclusivamente in allegato a messaggio PEC, a partire dall’11 febbraio 2015 e non oltre il 25 febbraio 2015

E’ facoltà delle A.L.E.R. presentare più domande di finanziamento.

Le domande saranno valutate entro 15 giorni dalla scadenza del termine di presentazione secondo le seguenti priorità:
•minore tempistica di rimozione derivante dalla valutazione del rischio indicata nel documento di censimento presentato all’ASL territorialmente competente;
•ordine cronologico di ricezione dei progetti, come risultante dalla marcatura cronologica registrata dalla PEC, con riferimento ad ogni ordine di priorità indicato nel precedente punto.

Al termine della fase istruttoria il Responsabile del procedimento procederà a proprio insindacabile giudizio all’ammissione delle domanda ed alla concessione del contributo mediante adozione di proprio provvedimento, autorizzando Finlombarda all’erogazione del contributo stesso.

Il progetto definitivo/esecutivo dell’intervento dovrà essere approvato entro 30 giorni dalla comunicazione di concessione del contributo, pena la decadenza. Entro i successivi 7 giorni, il Responsabile dell’intervento dovrà inviare alla Regione l’atto di approvazione del progetto definitivo/esecutivo e il quadro economico con il dettaglio delle voci di spesa relative alla rimozione amianto ed ai successivi ripristini, completo dell’individuazione delle fonti di finanziamento.

L’avvio dei lavori deve avvenire entro 9 mesi dall’approvazione del progetto definitivo/esecutivo. L’ultimazione dei lavori, sulla base del costo di realizzazione tecnica, deve avvenire, salvo proroga, entro i successivi:
•9 mesi, in caso di costo di realizzazione tecnica inferiore a euro 500.000,00
•15 mesi, in caso di costo di realizzazione tecnica superiore a euro 500.000,00

Il contributo sarà erogato secondo le seguenti modalità:
•il 70% entro 60 giorni dalla trasmissione a cura del Responsabile dell’intervento della documentazione attestante l’avvio dei lavori;
•il restante 30% entro 60 giorni dall’invio da parte del Responsabile dell’intervento della documentazione attestante l’ultimazione dei lavori di rimozione dei materiali contenenti amianto in conformità al progetto ed al Piano di lavoro presentato all’ASL territorialmente competente.

 

Fonte: Decreto 5 febbraio 2015, n. 809, Regione Lombardia, B.U.R. 10 febbraio 2015, n. 7

Contattateci o compilate il form per avere ulteriori informazioni e per valutare l’ammissibilità del vostro progetto di investimento al presente bando.

Richiedi un Finanziamento!