fondo di garanzia

 

FINALITA’

Il Fondo di garanzia è uno strumento rotativo indirizzato alle PMI finalizzato al rilascio di garanzie pubbliche per favorire l’accesso al credito delle imprese. Non sono previsti contributi in denaro, ma la possibilità di ottenere finanziamenti senza dover presentare garanzie reali (fideiussioni o polizze assicurative).

SOGGETTI BENEFICIARI

 I soggetti beneficiari della misura agevolativa sono:

  1. Microimprese
  2. Piccole e medie imprese – PMI
  3. Imprese artigiane
  4. Consorzi e società consortili (costituiti tra le PMI)
  5. Società consortili miste

Inoltre:

  1. Devono essere presenti sul territorio nazionale
  2. Devono essere economicamente sane
  3. Possono appartenere a qualsiasi settore (ad esclusione dei settori sensibili)

SOGGETTI AUTORIZZATI

Per ottenere la garanzia l’impresa dovrà rivolgersi a:

  1. Una banca
  2. Un intermediario finanziario
  3. Una società finanziaria per l’innovazione e lo sviluppo (SFIS)
  4. Un consorzio di garanzia collettiva fidi
  5. Altro fondo di garanzia gestito da intermediari finanziari
  6. Una società di gestione del risparmio (SGR) o una società di gestione armonizzata (SGA), per le operazioni sul capitale di rischio

FASI DI INTERVENTO

Il Fondo di Garanzia offre sostegno alle PMI italiane, tramite la concessione di una garanzia pubblica a fronte di finanziamenti concessi dalle banche.

Rivolgendosi al Fondo di Garanzia l’impresa non ha un contributo in denaro, ma ha la possibilità di ottenere finanziamenti senza garanzie aggiuntive (e quindi senza costi di fidejussioni o polizze assicurative) sugli importi garantiti dal Fondo.

Le operazioni di leasing rientrano tra le operazioni di finanziamento e pertanto possono accedere alla garanzia del Fondo.

GARANZIA DIRETTA

Si tratta della Garanzia prestata dal Fondo direttamente a favore dei soggetti finanziatori.

L’attivazione è a rischio zero per la banca che, in caso di insolvenza dell’impresa, viene risarcita dal Fondo e, in caso di eventuale esaurimento di fondi di questo, direttamente dallo Stato.

CONTROGARANZIA

Si tratta della Garanzia prestata dal Fondo a favore dei Confidi e degli altri fondi di Garanzia.

COGARANZIA

Si tratta della Garanzia prestata dal Fondo direttamente a favore dei soggetti finanziatori e congiuntamente ai Confidi, agli altri Fondi di garanzia, ovvero ai fondi di garanzia istituiti nell’ambito dell’Unione Europea o da essa cofinanziati.

CONDIZIONI GENERALI E GESTIONE

Il Fondo Centrale di Garanzia non interviene direttamente nel rapporto banca/impresa e pertanto tassi di interesse, condizioni di rimborso, eventuale richiesta di garanzie aggiuntive sulla parte non coperta dal fondo e altre condizioni sono stabiliti attraverso la libera contrattazione tra banche e imprese.

La gestione dello strumento è affidata, con compiti diversi, ad un Consiglio di Gestione e ad un Gestore:

  • L’amministrazione del Fondo è affidata al Consiglio di gestione che è composto da due rappresentanti del MISE di cui uno con funzione di presidente, da un rappresentante del MEF con funzione di vice presidente, da un rappresentante della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le politiche di coesione, da un rappresentante indicato dalla Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, nonché da due esperti in materia creditizia e di finanza d’impresa.
  • Il Gestore, a seguito dell’aggiudicazione della gara indetta dal MISE è ad oggi costituito da un raggruppamento temporaneo di imprese formato da 5 istituti bancari: Banca del Mezzogiorno – MedioCredito Centrale S.p.A., in qualità di soggetto mandatario capofila, Artigiancassa S.p.A., MPS Capital Services Banca per le Imprese S.p.A., Mediocredito Italiano S.p.A. e Istituto Centrale delle Banche Popolari Italiane S.p.A., in qualità di mandanti.

SEZIONI

Sono previste delle sezioni diverse in base alla tipologia di soggetto che richiede il finanziamento, dell’attività svolta, o del tipo di finanziamento richiesto:

  1. IMPRESE FEMMINILI
  2. EDITORIA
  3. MICROCREDITO
  4. PROGETTI DI RICERCA E INNOVAZIONE

 CONTROGARANZIA COSME – EFSI

Il Fondo di Garanzia per le PMI ha siglato con il Fondo europeo per gli investimenti (FEI) un accordo per l’utilizzo delle controgaranzie COSME, uno strumento che usufruisce del sostegno del Fondo europeo per gli investimenti strategici (EFSI), istituito ai sensi del Piano Investimenti per l’Europa.

In seguito alla sottoscrizione dell’accordo, a partire dal 25 gennaio 2016, le domande di Controgaranzia presentate al Fondo dai Confidi e dagli Altri fondi di garanzia potranno beneficiare della controgaranzia rilasciata da COSME – EFSI.

Sono ammissibili alla Controgaranzia COSME – EFSI le domande di Controgaranzia ammesse all’intervento del Fondo ex lege 662/96 relative a finanziamenti, a favore delle PMI italiane, aventi le seguenti caratteristiche:

  1. durata minima pari a 12 mesi;
  2. importo massimo pari a euro 150.000,00;
  3. finalità relativa sia al capitale circolante sia all’investimento (escluso il consolidamento di passività a breve).