FIlampadina e globoNALITA’

La Linea R&S per MPMI è uno strumento finanziario istituito in attuazione dell’Azione “Sostegno alla valorizzazione economica dell’innovazione attraverso la sperimentazione e l’adozione di soluzioni innovative nei processi, nei prodotti e nelle formule organizzative, nonché attraverso il finanziamento dell’industrializzazione dei risultati della ricerca” dell’Asse prioritario I “Rafforzare la ricerca, lo sviluppo tecnologico e l’innovazione”.
Si propone di favorire l’innovazione basata su investimento in ricerca e sviluppo da parte di una micro, piccole e medie imprese, anche di nuova costituzione, al fine di garantire ricadute positive sul sistema competitivo e territoriale lombardo

DOTAZIONE FINANZIARIA

La Linea ha una dotazione finanziaria iniziale di € 30.000.000,00, comprensiva degli oneri di gestione del Fondo FRIM FESR 2020.

PROGETTI AMMISSIBILI

I progetti di ricerca, sviluppo e innovazione dovranno riguardare le aree di specializzazione individuate dalla “Strategia regionale di specializzazione intelligente per la ricerca e l’innovazione (S3):
1. aerospazio
2. agroalimentare
3. eco-industria
4. industrie creative e culturali
5. industria della salute
6. manifatturiero avanzato
7. mobilità sostenibile
declinate in macrotematiche e temi di sviluppo dettagliati nei rispettivi Programmi di Lavoro “Ricerca e Innovazione” per il periodo 2014-2015.

Sono ammissibili Progetti che comportino attività di ricerca industriale, sviluppo sperimentale e innovazione a favore di MPMI.

Ciascun Progetto deve:
• fare riferimento ad una sola delle aree di specializzazione;
• essere finalizzato all’introduzione di innovazione di prodotto e/o di processo coerente ed attinente con l’oggetto sociale e la classificazione di attività produttiva (primaria e/o secondaria) del soggetto richiedente;
• essere realizzato nell’ambito di Sedi operative localizzate nel territorio di Regione Lombardia.

Sono ammissibili a Finanziamento Progetti che comportino spese totali ammissibili per un importo non inferiore a € 100.000,00.

I Progetti dovranno essere realizzati nel termine massimo di 18 mesi dalla data del decreto di concessione dell’agevolazione.

SOGGETTI BENEFICIARI

Possono presentare domanda le MPMI:
a) aventi Sede operativa attiva in Lombardia o che intendano costituire una Sede operativa attiva in Lombardia entro e non oltre la stipula del contratto di Finanziamento;
b) operanti, con codice ISTAT ATECO primario e/o secondario, nel seguenti settori:
     1. il settore manifatturiero e delle costruzioni di cui alle classificazioni ISTAT ATECO 2007 lettere C e F;
     2. il settore dei servizi alle imprese di cui alle classificazioni ISTAT ATECO 2007 codici
           i. J62 Produzione di software, consulenza informatica e attività connesse
          ii. J63 Attività dei servizi d’informazione e altri servizi informatici
         iii. M71.11 Attività degli studi di architettura
          iv. M71.12.1 Attività degli studi di ingegneria
           v. M71.12.2 Servizi di progettazione di ingegneria integrata
          vi. M72 Ricerca scientifica e sviluppo
         vii. M74.10.1 Attività di design di moda e di design industriale
        viii. M74.10.3 Attività dei disegnatori tecnici
          ix. M74.10.9 Altre attività di design
c) già costituite e iscritte al Registro delle imprese e dichiarate attive alla data di presentazione della domanda di partecipazione al Bando.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le spese sostenute dal Soggetto Beneficiario, ritenute pertinenti al Progetto proposto e direttamente imputabili alle attività previste nel Progetto, nel rispetto della normativa comunitaria sugli aiuti di Stato.

A. Relativamente alle attività di ricerca industriale e sviluppo sperimentale le spese devono essere riconducibili alle seguenti tipologie:

1. spese di personale relative a ricercatori, tecnici e altro personale ausiliario fino ad un massimo del 50% delle spese totali ammissibili di Progetto;
2. costi di ammortamento relativi ad impianti, macchinari e attrezzature. Nel caso di beni acquistati in leasing, sono ammissibili i canoni pagati dall’utilizzatore al concedente, al netto delle spese accessorie;
3. costi della ricerca contrattuale, delle competenze tecniche e dei brevetti acquisiti o ottenuti in licenza da fonti esterne, nonché i costi di consulenza o di servizi equivalenti utilizzati esclusivamente ai fini dell’attività di ricerca;
4. materiali direttamente connessi alla realizzazione del Progetto, per un massimo del 10% delle spese totali ammissibili di Progetto;
5. spese generali forfettarie addizionali per un massimo del 15% delle spese di personale di Progetto.

B. Relativamente alle attività di innovazione a favore di MPMI, le spese ammissibili riguardano i costi per il deposito di brevetti e/o per la convalida dei brevetti effettuati nel periodo di realizzazione del Progetto, fino ad un massimo del 15% delle spese totali ammissibili del Progetto.

FINANZIAMENTO

Il Finanziamento viene concesso nella forma tecnica di un finanziamento a medio termine erogato esclusivamente a valere sulle risorse della Linea.

Può concorrere sino al 100% della spesa complessiva ammissibile del Progetto, nel rispetto di un’intensità di aiuto massima complessiva (determinata in ESL) pari al 35%, e non potrà essere superiore a € 1.000.000,00

La durata è compresa tra i 3 ed i 7 anni, di cui massimo 2 anni di preammortamento, secondo le scadenze indicate nel contratto di Finanziamento.

Il tasso nominale annuo di interesse applicato alle risorse della Linea è fisso e pari allo 0,5%;

A garanzia dell’esatto e puntuale adempimento delle obbligazioni derivanti dal contratto di Finanziamento, il quadro cauzionale a supporto della richiesta di Finanziamento è determinato dalla classe di rischio (attribuita secondo la Metodologia di Credit Scoring).

Il Finanziamento è concesso ed erogato ai sensi del nuovo Regolamento di esenzione (UE) n. 651/2014;

Il finanziamento non è cumulabile con altre agevolazioni concesse per le medesime spese, qualificabili come aiuti di Stato, ivi incluse quelle concesse a titolo “de minimis”.

PRESENTAZIONE DOMANDA

La domanda di partecipazione deve essere presentata esclusivamente per mezzo del portale informatico dalle ore 10 del 28 gennaio 2015.

Prima di presentare domanda il richiedente deve registrarsi, profilare l’impresa e attendere la validazione prima di procedere alla presentazione della domanda.

I documenti dovranno essere sottoscritti mediante apposizione di firma telematica da parte del legale rappresentante.

Ogni richiedente può presentare successive domande di partecipazione a condizione che i Finanziamenti concessi a valere su eventuali precedenti domande siano entrati in ammortamento ed i relativi investimenti siano totalmente realizzati e rendicontati. Non è ammessa la presentazione contemporanea, da parte dello stesso soggetto richiedente, di più domande di partecipazione ancorché riferite a diverse aree di specializzazione.

La Linea, attuata tramite procedimento valutativo a sportello, rimarrà aperta sino ad esaurimento della dotazione finanziaria e comunque non oltre il 31 dicembre 2020, salvo proroga.