Bando per la presentazione di Progetti di sviluppo sperimentale e innovazione (S&I) a favore della filiera dello “Smart Living”, in attuazione della legge regionale “Manifattura diffusa, creativa e tecnologica 4.0”

domotica arredoFINALITA’

Il Bando “Smart Living” è un’iniziativa individuata per dare attuazione alla legge regionale “Manifattura diffusa, creativa e tecnologica 4.0”, nell’ambito della strategia “Lombardia 5.0: politiche per il consolidamento e la valorizzazione delle filiere eccellenti lombarde” e si propone di stimolare la collaborazione tra imprese con il mondo accademico nell’ottica di  filiera allargata”, favorire il dialogo del sistema imprenditoriale con quello dell’offerta di servizi qualificati e innovativi, rafforzare le capacità tecnologico-organizzative e manageriali delle PMI, potenziare e migliorare la promozione dell’export, nonché valorizzare le “filiere d’eccellenza territoriali”.

In particolare, la finalità del Bando, è quella di sostenere Progetti di S&I, realizzati da partenariati di imprese in collaborazione con il Sistema delle Università, finalizzati all’introduzione di prodotti, processi/servizi nuovi o migliorativi dal punto di vista tecnologico, produttivo e organizzativo, per valorizzare la tematica dell’”Abitare intelligente”, con specifico riferimento ai settori Edilizia, Arredo-Legno-Casa e High-tech.

DOTAZIONE FINANZIARIA

Il Bando ha una dotazione finanziaria complessiva pari a € 15.000.000,00 e prevede la concessione di contributi a fondo perduto.

SOGGETTI BENEFICIARI

Partenariato

Possono presentare domanda di partecipazione al bando Partenariati composti da PMI in associazione con Università e/o Grandi imprese.

Il Partenariato deve essere composto da un minimo di 3 soggetti (“Partner”), di cui almeno 2 PMI ed 1 soggetto a scelta tra Università e Grandi imprese.

Inoltre, la composizione del Partenariato deve rispettare i seguenti requisiti:

  1. le PMI partecipanti al Partenariato devono sostenere cumulativamente almeno il 60% delle spese totali ammissibili del Progetto di S&I;
  2. ciascun Partner deve sostenere almeno il 10% delle spese totali ammissibili del Progetto di S&I.

Il Partenariato deve comportare la collaborazione effettiva tra i Partner per la realizzazione delle attività di Progetto di S&I di propria competenza e dovrà essere formalizzato con Accordo di collaborazione.

Ciascuna impresa può partecipare al massimo ad un Progetto di S&I, mentre non vi sono limiti di partecipazione a Progetti di S&I da parte delle Università.

Partner imprese

I Partner imprese devono possedere, al momento della presentazione della domanda di partecipazione al bando, i seguenti requisiti:

  1. essere regolarmente costituite, iscritte e dichiarate attive al Registro delle imprese; le imprese non residenti nel territorio italiano devono essere costituite secondo le norme del diritto civile e commerciale vigenti nello Stato di residenza dell’Unione Europea e iscritte nel relativo Registro delle imprese;
  2. appartenente ad uno dei seguenti comparti: Manifatturiero, Costruzioni, Commercio, Servizi;
  3. avere una Sede operativa attiva in Lombardia o dichiarare l’intenzione di costituire una Sede operativa attiva in Lombardia nella quale dichiara di svolgere le attività progettuali entro e non oltre l’erogazione della prima tranche di Agevolazione;
  4. essere autonome rispetto agli altri Partner.

Partner Università

I Partner Università devono avere una Sede operativa attiva in Lombardia o dichiarare l’intenzione di costituire una Sede operativa attiva in Lombardia nella quale svolgere le attività progettuali entro e non oltre l’erogazione della prima tranche di agevolazione.

La non ammissibilità di uno dei Partner, ai sensi delle previsioni di cui al presente articolo, comporterà la non ammissibilità della domanda di partecipazione al Bando per tutto il Partenariato.

PROGETTI AMMISSIBILI

Sono ammissibili alle Agevolazioni, i Progetti di S&I che prevedano attività di:

  1. Sviluppo sperimentale;
  1. abbinate ad almeno un’attività a scelta tra:
    1. attività di Innovazione dei processi e dell’organizzazione;
    2. attività di Innovazione di prodotto.

I Partner Università potranno svolgere unicamente le attività di Sviluppo Sperimentale; viceversa non sono previste limitazioni per i Partner imprese.

Per la realizzazione delle finalità del bando, ciascun Progetto di S&I deve:

  • essere in grado di generare effettive e comprovate ricadute nella filiera dello Smart Living (“Abitare Intelligente”), promuovendo e garantendo l’inclusione, la sicurezza, il benessere, la salute e l’eco-sostenibilità, anche tramite l’applicazione e lo sviluppo delle tecnologie abilitanti fondamentali; a tal fine i Porgetti di S&I devono essere coerenti con una o più delle seguenti tipologie progettuali:
  1. impatto ecologico in ogni singola fase del ciclo di vita dei prodotti: produzione, gestione, recupero;
  2. valore energetico-funzionale di nuovi materiali riciclati e riciclabili, per ideare e produrre oggetti/mobili di design sostenibile per l’arredo della casa (eco-design);
  3. Smart Supply Chain: filiera integrata di processi/modelli di business e produttivi, anche in chiave export;
  4. soluzioni di screening energetico e anti-sismico degli edifici;
  5. elaborazione e implementazione di modelli innovativi di intervento sul patrimonio edilizio esistente: adeguamento sismico, recupero edilizio, riqualificazione energetica e/o strutturale;
  6. domotica, anche finalizzata a favorire l’autonomia e l’accessibilità a supporto dei servizi della persona, il wi-fi e la sensoristica avanzata (IoT);
  7. sistemi di progettazione virtuale, con particolare riferimento al Building Information Modelling, di prototipazione avanzata e di home & building automation;
  8. additive manufacturing/3D printing per la produzione di oggetti fisici tridimensionali personalizzabili e le tecnologie di cybersecurity per proteggere collegamenti, dispositivi e dati, garantendone la necessaria privacy;
  9. big data analysis, le tecniche di intelligenza artificiale “Sistemi cognitivi” e le tecnologie in ambito Cloud Computing, a supporto della gestione intelligente in tempo reale dei dati e delle informazioni;
  10. sistemi intelligenti per la gestione, la manutenzione l’intrattenimento, il monitoraggio e la sicurezza degli impianti ad uso domestico, con particolare riferimento agli apparecchi elettrodomestici bianchi/bruni.
  • comportare al momento della presentazione della domanda, spese totali ammissibili uguali o superiori ad € 200.000,00;
  • essere realizzati nell’ambito delle Sedi operative localizzate nel territorio di Regione Lombardia dichiarate da ciascun Partner.

I Progetti di S&I ammessi alle agevolazioni devono essere realizzati nel termine massimo di 18 mesi dalla data del decreto di concessione dell’Agevolazione, fatta salva la possibilità di concessione di una sola proroga motivata della durata massima di 6 mesi aggiuntivi.

SPESE AMMISSIBILI

Relativamente alle attività di Sviluppo sperimentale, Innovazione dei processi e dell’organizzazione, Innovazione di prodotto le spese ammissibili sono riconducibili alle seguenti tipologie:

  1. spese di personale relative a ricercatori, tecnici e altro personale ausiliario nella misura in cui sono impiegati per la realizzazione del Progetto di S&I;
  2. costi di ammortamento relativi ad impianti, macchinari e attrezzature, nella misura e per il periodo in cui sono utilizzati nell’ambito del Progetto di S&I (fatta salva la possibilità di rendicontare, con modalità ordinarie, l’intera quota di impianti, macchinari e attrezzature utilizzate per il Progetto di S&I quando il loro ciclo di vita corrisponde o è inferiore alla durata del Progetto stesso). Nel caso di beni acquisiti in leasing, sono ammissibili i canoni pagati dall’utilizzatore al concedente, al netto delle spese accessorie (tasse, margine del concedente, interessi, spese generali, oneri assicurativi), nella misura e per il periodo in cui il relativo bene è utilizzato per il Progetto di S&I;
  3. costi della ricerca contrattuale, le conoscenze e i brevetti acquisiti o ottenuti in licenza da fonti esterne alle normali condizioni di mercato, nonché i costi dei servizi di consulenza e di servizi equivalenti utilizzati esclusivamente ai fini del Progetto di S&I;
  4. altri costi di esercizio, direttamente connessi alla realizzazione del Progetto di S&I, inclusi: i costi di materiali, forniture e prodotti analoghi, le spese di certificazione di laboratorio per un massimo del 20% delle spese di Progetto S&I di competenza di ciascun Partner;
  5. spese generali forfettarie addizionali derivanti direttamente dal Progetto di S&I per un massimo del 15% delle spese di personale di competenza di ciascun Partner.

Relativamente alle sole attività di Innovazione di Prodotto sono ammissibili oltre alle tipologie di spesa di cui al precedente comma anche le spese relative a:

  1. studi di fattibilità per l’approccio all’export di nuovi mercati, comprensivo della strutturazione di un modello aziendale di rete di vendita o post vendita nel paese target;
  2. strumenti di comunicazione innovativi funzionali all’avvio/rafforzamento di attività di export;
  3. conseguimento di certificazioni estere per prodotti da promuovere nei mercati target;
  4. traduzione ed adeguamento di manuali destinati ai paesi target.

Per tutte le spese di cui ai precedenti comma valgono, inoltre, i seguenti criteri:

  • le spese per essere ammissibili devono essere sostenute e quietanzate successivamente alla data di presentazione della domanda di partecipazione al presente Bando ed entro il termine di realizzazione del Progetto di S&I;
  • le spese per essere ammissibili devono essere sostenute esclusivamente dai singoli Soggetti beneficiari ed essere direttamente imputabili alle attività previste nel Progetto di S&I;
  • le spese si intendono al netto di IVA o altre imposte e tasse, ad eccezione dei casi in cui l’IVA sia realmente e definitivamente sostenuta dai Soggetti beneficiari e non sia in alcun modo recuperabile dagli stessi, tenendo conto della disciplina fiscale cui i Soggetti beneficiari sono assoggettati (indipendentemente dalla loro natura pubblica o privata).

INCENTIVI

L’Agevolazione prevista dal bando viene concessa nella forma di un contributo a fondo perduto.

L’Agevolazione concessa per singolo Progetto di S&I non potrà essere superiore ad una soglia massima pari ad € 800.000,00, determinato sulla base delle seguenti condizioni, percentuali e importi massimi applicabili ai singoli Partner:

Tipologia di Attività

PMI

Grande Impresa

Università

Sviluppo sperimentale

40%

40%

40%

Innovazione dei processi e dell’organizzazione

50%

15%

 

 

Non applicabile

 

Innovazione di prodotto

200.000€ nel triennio

200.000€ nel triennio

Le condizioni espresse rappresentano anche l’intensità di aiuto espressa in ESL (il valore dell’aiuto espresso come percentuale del valore delle spese ammissibili rapportato all’Agevolazione).

Le Agevolazioni previste dal bando sono concesse:

  1. per le attività di Sviluppo sperimentale ed Innovazione dei processi e dell’organizzazione;
  2. per le attività di Innovazione di prodotto.

L’importo complessivo degli aiuti de minimis concessi da uno Stato membro a un’impresa unica non possa superare 200.000 Euro nell’arco di tre esercizi finanziari e 100.000 Euro per il settore del trasporto merci per conto terzi, nell’ultimo triennio.

PRESENTAZIONE DOMANDA

La domanda di partecipazione al presente Bando deve essere presentata esclusivamente per mezzo del Sistema informativo Regionale a partire dalle ore 12.00 del giorno 1 febbraio 2017.

L’istruttoria delle domande di partecipazione presentate viene effettuata sulla base di una procedura valutativa a sportello secondo l’ordine cronologico di presentazione delle stesse dal Nulceo Tecnico di Valutazione (NTV) appositamente costituito con il supporto del Gestore. Al fine della determinazione dell’ordine cronologico si considera il numero di protocollo assegnato dalla piattaforma informatica regionale alla domanda presentata.

L’istruttoria prevede:

  1. una fase di istruttoria formale;
  2. una fase di istruttoria di merito;

per una durata complessiva fino ad un massimo di 120 (centoventi) giorni dalla data di presentazione della domanda. Inoltre si procederà alla verifica e all’eventuale attribuzione di premialità.