Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 della Lombardia. Operazione 3.1.01
Regimi di qualità

 

FINALITA’

L’Operazione ha l’obiettivo di stimolare le aziende agricole ad intraprendere attività produttive riconducibili ai regimi di qualità, al fine di favorire una maggiore organizzazione aziendale che faciliti la competitività e nel contempo contribuisca alla gestione sostenibile delle risorse naturali e ambientali.

REGIMI DI QUALITA’

Le produzioni, oggetto di sostegno, sono quelle registrate in UE e riconosciute a livello nazionale, ottenute sul territorio della Regione Lombardia, secondo i requisiti previsti dai “REGIMI DI QUALITÀ” di seguito indicati:
A. Agricoltura Biologica
B. Prodotti agroalimentari registrati come Denominazione d’Origine Protetta (DOP), Indicazione Geografica Protetta (IGP), Specialità Tradizionale Garantita (STG)
C. Vini registrati come Denominazione d’Origine Controllata (DOC), Denominazione d’Origine Controllata Garantita (DOCG), Indicazione Geografica Tipica (IGT)
D. Sistema Qualità Nazionale per la zootecnia(SQN ZOOTECNIA) riconosciuti dal Ministero politiche agricole alimentari e forestali
E. Sistema Qualità Nazionale per la Produzione Integrata(SQNPI)
F. Vini aromatizzati
G. Bevande spiritose a indicazioni geografiche

Sono riportati gli elenchi dei regimi di qualità con le filiere produttive già registrate in sede UE o riconosciute a livello nazionale, alla data di pubblicazione del bando. A questi elenchi, a seguito della loro iscrizione nel registro comunitario o al riconoscimento nazionale, potranno sommarsi altre nuove filiere produttive.

La domanda di sostegno è comunque ammissibile per le filiere produttive che alla data di presentazione della domanda stessa hanno già ottenuto il pertinente riconoscimento nazionale o registrazione comunitaria.

SOGGETTI BENEFICIARI

L’Operazione si attua su tutto il territorio regionale.

Possono presentare domanda le aziende che sostengono le spese dei controlli dovute agli Organismi di controllo, ai fini dell’accesso e partecipazione ai rispettivi regimi di qualità.

Possono presentare domanda di sostegno le imprese agricole individuali e tutte le società agricole di persone, capitali o in forma di cooperativa, che hanno sede operativa e legale, sul territorio della Regione Lombardia e che sono titolari di un fascicolo aziendale a SISCO, presso la Regione Lombardia, che riporti l’indicazione precisa dell’indirizzo della sede legale e operativa, una email e la PEC attive e valide.

Le cooperative di sola trasformazione devono garantire che la materia prima utilizzata per la produzione del prodotto di qualità provenga esclusivamente dai soci della cooperativa stessa.

Le aziende con sede legale al di fuori del territorio della Regione Lombardia possono presentare domanda di sostegno per i costi relativi alla certificazione di produzioni ottenute su terreni o siti di preparazione/trasformazione ubicati nel territorio regionale a condizione che siano titolari di un fascicolo aziendale a SISCO presso la Regione Lombardia.

I soggetti richiedenti alla data di presentazione della domanda di contributo devono:

1. essere in possesso dell’attestato della qualifica di IAP2, anche sotto condizione, rilasciato dall’Ente competente;
2. risultare agricoltori in attività;
3. essere nella condizione di partecipare per la prima volta ad uno o più “regimi di qualità”; di conseguenza la prima iscrizione dell’azienda al relativo sistema di controllo, per lo specifico regime di qualità, deve avvenire in data successiva alla presentazione della prima domanda di sostegno. L’azienda risulta essere “partecipante per la prima volta”:
a) al “regime di qualità” dell’Agricoltura Biologica, a partire dalla data di iscrizione all’Elenco Regionale degli Operatori Biologici, effettuata secondo le modalità previste dalla D.G.R. n.1114 del 20 dicembre 2013;
b) al “regime di qualità” dei vini DOC/DOCG/IGT, a partire dalla vendemmia per la quale risulta essere accolta la dichiarazione obbligatoria di vendemmia e di produzione di vino presentata dal produttore entro il 15 dicembre dello stesso anno, al Sistema informativo regionale SISCO che effettua gli appositi controlli di congruità con i disciplinari di produzione;
c) al “regime di qualità” dei prodotti DOP/IGP/STG, a partire dalla data del documento giustificativo o delibera di riconoscimento (o documento analogo) emesso dall’Organismo di Controllo preposto al controllo per lo specifico regime;
d) al “regime di qualità ”SQN ZOOTECNIA” a partire dalla data del documento giustificativo o delibera di riconoscimento (o documento analogo) emesso dall’Organismo di Controllo preposto al controllo per lo specifico regime;
e) al “regime di qualità” SQNPI a partire dalla data del documento giustificativo o delibera di riconoscimento (o documento analogo) emesso dall’Organismo di Controllo preposto al controllo per lo specifico regime;
f) al “regime di qualità” Vini aromatizzati a partire dalla data del documento giustificativo o delibera di riconoscimento (o documento analogo) emesso dall’Organismo di Controllo preposto al controllo per lo specifico regime;
g) al “regime di qualità” Bevande spiritose a indicazioni geografiche a partire dalla data del documento giustificativo o delibera di riconoscimento (o documento analogo) emesso dall’Organismo di Controllo preposto al controllo per lo specifico regime.

Il sostegno può essere richiesto per l’adesione contemporaneamente, per la prima volta, a due regimi di qualità.

Durante il periodo di impegno, è possibile l’adesione ad un ulteriore regime di qualità, presentando un’ulteriore domanda di sostegno per il nuovo regime a cui si intende partecipare per la prima volta.

GLI INCENTIVI

La dotazione finanziaria complessiva della Operazione, per l’applicazione delle presenti disposizioni attuative, è pari a € 750.000.
L’aiuto è concesso secondo la tipologia del contributo in conto capitale.
Il sostegno è concesso per un periodo di 5 anni a partire dalla data in cui l’azienda partecipa per la prima volta al regime di qualità.
Il contributo è pari al 100% della spesa sostenuta.
L’importo non può essere inferiore a € 100 e superiore a € 3.000 all’anno, per beneficiario, indipendentemente dall’entità della spesa sostenuta e dal numero di regimi di qualità ai quali l’azienda partecipa per la prima volta.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili di seguito indicate, sostenute dall’azienda e dovute agli Organismi di Controllo, sono riferite all’anno solare.

A. costo d’iscrizione: sostenuto una sola volta, al momento dell’ammissione al sistema di controllo;
B. costo annuale: quota corrisposta annualmente;
C. costo variabile: quota variabile in relazione alla quantità/superficie/rischio della produzione assoggettata al controllo in quel determinato periodo.

La spesa totale, e quindi il contributo, può corrispondere alla sommatoria delle tipologie sopra riportate.
Sono inoltre ammissibili le spese relative ad analisi chimico/fisico/microbiologiche solo se previste dal disciplinare e dal relativo piano dei controlli applicato dall’Organismo di Controllo.

IMPEGNI

Gli impegni assunti dal beneficiario sono distinti in essenziali ed accessori e implicano, rispettivamente, la decadenza totale o parziale dal sostegno previsto dal Bando.

La decadenza non si determina qualora siano intervenute cause di forza maggiore.

IMPEGNI ESSENZIALI
Sono impegni essenziali il rispetto dei seguenti requisiti:
a. rimanere nel regime di qualità per il quale è stato richiesto il contributo, per almeno 5 anni, dalla data di entrata nel regime di qualità;
b. mantenere le condizioni indicate;
c. presentare la domanda di pagamento entro il trentesimo giorno continuativo e successivo alla data di scadenza stabilita nel bando, comprensivo di eventuali proroghe.

Il mancato rispetto dell’ impegno essenziale comporta la decadenza totale del contributo, con recupero delle somme già erogate, maggiorate degli interessi maturati.

IMPEGNI ACCESSORI
E’ impegno accessorio il rispetto del seguente requisito, ovvero presentare la domanda di pagamento entro il trentesimo giorno consecutivo dopo la data di scadenza stabilita nel bando, comprensivo di eventuali proroghe.

PRESENTAZIONE DOMANDA

La domanda è definita di “sostegno” quando corrisponde alla richiesta di contributo e di “pagamento” quando corrisponde alla richiesta di liquidazione del contributo richiesto.

La domanda di sostegno può essere presentata a partire dal 22 febbraio 2016 e sino alle ore 12 del 31 dicembre 2016.

Tuttavia, ai fini dell’istruttoria delle domande e della redazione delle graduatorie, la presentazione delle domande è suddivisa in due periodi.

La domanda s’intende presentata con l’avvenuta assegnazione del protocollo da parte della Regione Lombardia, generato dal sistema informativo.

La domanda di sostegno per gli anni successivi al primo deve essere presentata annualmente dall’azienda, nei tempi e modi che verranno comunicati nelle successive disposizioni attuative.

La domanda deve essere inviata alla Regione Lombardia con le modalità illustrate, indicando l’ambito territoriale della sede operativa aziendale e il “regime di qualità” ai quali l’azienda intende partecipare per la prima volta.

Fino al 31 marzo 2016 gli ambiti territoriali di riferimento sono le Province e la Città Metropolitana di Milano; successivamente a tale data, salvo proroghe, subentrano gli Uffici territoriali competenti in materia di agricoltura e la Provincia di Sondrio, ognuna per il territorio di propria competenza.

La domanda deve essere presentata esclusivamente per via telematica tramite la compilazione della domanda informatizzata presente nel Sistema Informatico delle Conoscenze della Regione Lombardia (Sis.Co.) entro il termine di chiusura del bando, previa apertura e aggiornamento del fascicolo aziendale informatizzato.

La sottoscrizione della domanda deve essere effettuata con firma elettronica mediante l’utilizzo di dispositivi per firma elettronica avanzata (quali ad es. CRS/CNS associate a PIN – cosiddetta firma debole) o con dispositivi per la firma digitale (cosiddetto sistema di firma forte rilasciata da Ente certificatore); dopo la sottoscrizione, la domanda deve essere caricata a sistema.

RIEPILOGO DELLA TEMPISTICA

E’ riportato il crono–programma per il periodo di applicazione della Operazione:

  Periodo I
Periodo II
Data inizio periodo di presentazione domande di sostegno 22 febbraio 2016   16 giugno 2016
Data fine periodo di presentazione domande di sostegno Ore 12:00 del 15 giugno 2016 Ore 12:00 del 31dicembre 2016

Termine per l’invio al Responsabile di Operazione delle graduatorie;

entro tali date devono essere concluse le istruttorie, compresi i riesami

30 luglio 2016
15 febbraio 2017

Termine per l’approvazione degli esiti istruttori a ammissione a finanziamento

15 settembre 2016
15 marzo 2017
Data di pubblicazione sul BURL dell’atto con cui la Regione finanzia le domande 30 settembre 2016 31 marzo 2017

Data entro la quale il beneficiario deve presentare domanda di pagamento, se le spese sono relative all’anno 2016

28 febbraio 2017 15 maggio2017

Data entro la quale il beneficiario deve presentare domanda di pagamento, se le spese sono relative all’anno 2017 


28 febbraio 2018