eUROPA CREATIVA

 

EUROPA CREATIVA (2014 – 2020) – Sottoprogramma Cultura

FINALITA’

 In  conformità  con  il  regolamento  che  istituisce  il  programma  Europa  creativa,  le  priorità  possono  essere definite come segue:

 

  • Promuovere la mobilità transnazionale di artisti e professionisti;
  • Rafforzare lo sviluppo del pubblico come strumento per stimolare l’interesse nei confronti delle opere culturali e creative europee e del patrimonio culturale europeo materiale e immateriale, nonché migliorare l’accesso agli stessi;
  • Incoraggiare la creatività, approcci innovativi alla creazione e nuove modalità per garantire effetti di propagazione ad altri settori;
  • Contribuire all’integrazione dei profughi nell’UE mediante attività di presentazione e co-creazione, a livello europeo, di carattere culturale e audiovisivo, che siano pertinenti per questo specifico gruppo.

DOTAZIONE FINANZIARIA

Il sottoprogramma Cultura Europa creativa ha un bilancio complessivo di 457,8 milioni di EUR per il periodo  2014-2020. Il totale degli stanziamenti per il 2017, per il presente invito, ammonta a circa € 35.500.000,00.

PAESI AMMISSIBILI

Sono  ammissibili  le  candidature  presentate  da  persone  giuridiche  stabilite  in  uno  dei  seguenti  paesi,  purché siano soddisfatte tutte le condizioni di cui all’articolo 8 del regolamento e la Commissione abbia avviato negoziati con il paese interessato:

  1. gli Stati membri dell’Unione Europea (di seguito l'”UE”) e i paesi e territori d’oltremare ammessi a partecipare al programma;
  2. i paesi aderenti e i paesi candidati effettivi e potenziali che beneficiano di una strategia di preadesione, conformemente ai  principi  generali  e  alle  condizioni  generali  per  la  partecipazione  di  tali  paesi  ai programmi  dell’Unione  istituiti  a  norma  dei  rispettivi  accordi  quadro,  di  decisioni  dei  consigli  di associazione o di accordi analoghi;
  3. i paesi EFTA membri dell’accordo SEE, a norma delle disposizioni dell’accordo SEE;
  4. la Confederazione svizzera, in forza di un accordo bilaterale da concludere con tale paese;
  5. i paesi interessati dalla politica europea di vicinato, secondo le procedure definite con tali paesi in base agli accordi quadro che ne prevedono la partecipazione ai programmi dell’UE.

L’Agenzia può selezionare proposte provenienti da candidati stabiliti in paesi terzi purché, alla data della decisione di aggiudicazione, siano stati sottoscritti accordi che definiscano le modalità di partecipazione di tali paesi al programma istituito dal suddetto regolamento.

CANDIDATI AMMISSIBILI

La partecipazione ai progetti è aperta agli operatori culturali e creative europee attivi nei settori culturali e creativi di cui all’articolo 2 del regolamento, che siano stabiliti in uno dei paesi partecipanti al sottoprogramma Cultura.

La partecipazione ai progetti è aperta agli operatori culturali che, alla scadenza fissata per la presentazione delle candidature, hanno una personalità giuridica da almeno 2 anni e sono in grado di dimostrare il loro stato di persona giuridica. Le persone fisiche non possono presentare la domanda di sovvenzione.

PROGETTI AMMISSIBILI

Il  sottoprogramma  Cultura  non  sostiene  progetti contenenti  materiali  a  sfondo  pornografico  o  che  esaltino il razzismo o la violenza. Il sottoprogramma Cultura sostiene, in particolare, i progetti senza scopo di lucro.

ATTIVITA’ AMMISSIBILI

Le attività ammissibili devono essere finalizzate al conseguimento degli obiettivi e delle priorità del sottoprogramma Cultura.

Le attività devono essere attinenti ai settori culturali e creativi definiti all’articolo 2 del regolamento che abroga le decisioni n.1718/2006/CE, n. 1855/2006/CE e n. 1041/2009/CE.

Le attività afferenti esclusivamente al settore audiovisivo non sono ammissibili ai sensi del sottoprogramma Cultura.

CRITERI DI SELEZIONE

I candidati devono avere fonti di finanziamento stabili e sufficienti (capacità finanziaria) per mantenere in essere la loro attività durante tutto il periodo di svolgimento del progetto e per partecipare al suo finanziamento.

Le organizzazioni candidate devono disporre delle competenze e delle qualifiche professionali richieste per portare a termine il progetto proposto (capacità operativa).

I candidati devono fornire una dichiarazione sull’onore, completa e firmata, attestante il loro stato di persona giuridica e la loro capacità finanziaria e operativa di portare a termine le attività proposte.

I candidati non devono trovarsi in una  situazione che  ne  determini l’esclusione  dalla  partecipazione  e/o dall’aggiudicazione ai sensi del regolamento finanziario applicabile al bilancio generale dell’Unione e alle sue modalità di applicazione.

La domanda di sovvenzione deve essere accompagnata da un rapporto di audit esterno elaborato da un revisore esterno approvato se l’importo richiesto è pari o superiore a € 750.000,00 o se la candidatura riguarda un accordo quadro di partenariato. Tale rapporto deve certificare il bilancio degli ultimi due esercizi finanziari disponibili.

CONDIZIONI DI PARTECIPAZIONE

Il sottoprogramma Cultura mira a supportare progetti che si occupano principalmente di:

  1. mobilità transnazionale
  2. sviluppo del pubblico
  3. rafforzamento delle capacità:
    1. digitalizzazione
    2. nuovi modelli di business
    3. istruzione e formazione.

CRITERI DI AMMISSIBILITA’

A seconda dell’entità, delle necessità, della natura, degli obiettivi e delle priorità del progetto, il richiedente dovrà scegliere se presentare domanda in relazione alla categoria 1 progetti di cooperazione di entità minore o alla categoria 2 – progetti di cooperazione di entità maggiore.

Il capofila del progetto può presentare una sola domanda l’anno ai sensi della categoria 1 o della categoria 2.

Un richiedente che presenta domanda come capofila del progetto ai sensi della categoria 1 o della categoria 2 può essere un partner in diversi altri progetti presentati da un altro capofila di progetto ai sensi della categoria 1 o della categoria 2.

Categoria 1 – Progetti di cooperazione di entità minore

Questa categoria include progetti che:

  • comportano la presenza di un capofila del progetto e almeno altri due partner che hanno sede legale in almeno tre diversi paesi partecipanti al sottoprogramma Cultura–Europa creativa. Il capofila del progetto o uno dei partner devono avere la propria sede legale in uno dei paesi di cui alle categorie 1, 3 o 4 dei paesi ammissibili.
  • sono oggetto di una domanda che richiede un finanziamento UE non superiore a € 200.000,00, rappresentante al massimo il 60% del bilancio ammissibile.

Categoria 2 – Progetti di cooperazione di entità maggiore

Questa categoria include progetti che:

  • comportano la presenza di un capofila del progetto e almeno altri cinque partner che hanno sede legale in almeno sei diversi paesi partecipanti al sottoprogramma Cultura–Europa creativa. Il capofila del progetto o uno dei partner devono avere la propria sede legale in uno dei paesi di cui alle categorie 1, 3 o 4 dei paesi ammissibili.
  • sono oggetto di una domanda che richiede un finanziamento UE non superiore a € 2.000.000,00, rappresentante al massimo il 50% del bilancio ammissibile.

Per entrambe le categorie di progetti, la durata massima (periodo di ammissibilità) è di 48 mesi e il progetto deve essere basato su un accordo di cooperazione stipulato tra il capofila del progetto e i partner.

CRITERI DI AGGIUDICAZIONE

I richiedenti ammissibili saranno valutati in base ai seguenti criteri:

  1. Rilevanza
  2. Qualità dei contenuti e attività
  3. Comunicazione e diffusione
  4. Qualità del partenariato

PRESENTAZIONE DOMANDA

Il  termine  ultimo  per  la  presentazione  dei  progetti  di  cooperazione  europea  è il 23 novembre 2016, prima delle 12:00 CET/CEST (mezzogiorno, ora di Bruxelles).